PANORAMA

RISPOSTA AD UN ARTICOLO SULLA CRISTIANITA NELL'ERA

DEL TERRORISMO

di Jim Ehrman

traduzione di Francesca Foglietta




Riceviamo da Jim Ehrman - democratico, già console statunitense in diversi paesi del mondo - questo articolo, di Sorhab Ahmari giornalista del Wall Street Journal di Londra e la sua risposta da Washington.

A CHRISTIAN ANSWER TO THE AGE OF TERROR

By SOHRAB AHMARI

Pope Benedict's 'spiritual son' on the future of a Europe unmoored from its religious roots.

Vienna

Tourists throng the plaza in front of St. Stephen's Cathedral, at the heart of the Austrian capital. They chat in reverent tones while struggling to fit the cruciform behemoth into the backgrounds of their selfies. Mandarin, Persian and Turkish catch my ear as I make my way through the crowd. The scene makes me wonder: What does a 12th-century Gothic cathedral dedicated to the first Christian martyr mean to a visitor from, say, Shanghai?

For Vienna's archbishop the answer is clear. The tourists, Cardinal Christoph Schönborn thinks, appreciate what St. Stephen's represents better than many Europeans do, namely "that this Continent has Christian roots." When his staff meets at the archdiocesan complex next door to the cathedral, they use a room that overlooks the teeming plaza. The sight is a good reminder of the universal call of the Catholic Church-and of the real people who are its intended recipients.

Anxiety roils that human welter these days. In Europe the Islamist threat, the problem of Muslim integration and the return of blood-and-soil nationalism top the litany of Western gloom. Cardinal Schönborn had been embroiled in these worldly controversies when we sat down for an interview recently.

"Will there be a third Islamic attempt to conquer Europe?" he had asked in a Sept. 11 homily at St. Stephen's that made headlines across the Continent. "Many Muslims think this and wish this and say that Europe is at its end."

The left was quick to charge him with thought crimes, while those of a more populist bent claimed the cardinal as an anti-immigration warrior after their own hearts. It didn't escape notice that he had delivered the homily at a Mass for the Feast of the Holy Name of Mary, marking the 333rd anniversary of the Habsburg triumph over the Ottomans at the Battle of Vienna.

His message was lost amid the rancor. It wasn't mainly aimed at Muslims. "I can fully understand Muslim believers-authentic believers, whom I profoundly respect in their belief-who see evident signs of decadence in Europe," he tells me. "They think that Islam will be a good thing for Europe, to bring Europe on a better path of morality, of faith in God. So for me, the threat is not the believing Muslims."

The physical insecurity and social incohesion created by ill-assimilated Muslim communities are there, to be sure. But these things are byproducts of the West's own existential confusion. "The real challenge is: What does it mean for the Christian roots of Europe?" asks the cardinal. Christianity, he says, is a "missionary religion by its founder. Jesus said, Go and make all nations my disciples, teach them what I taught you, baptize them. And a similar thing is true for Islam."

Only many in the West have relinquished their own inheritance, let alone any desire to share it. Meanwhile, Muslims remain devout and are growing more so. The clash between a secularized, doubt-ridden West and a missionary Islam is Europe's cultural crisis in a nutshell. "For Muslims in Europe," Cardinal Schönborn says, the question is whether they can learn to "respect the other's conscience," as Christendom did across painful centuries.

As for Christians: "Do we believe that the Gospel teaching of Jesus is really what helps people lead a good life, for a good society, for paths to eternal life, which is finally the final question and the purpose of life?" Early Christianity, he points out, didn't expand through arms or proselytism "but through attraction-it was attractive to become a Christian." A West imbued with similar metaphysical confidence today needn't "fear other people and other religions."

When the West honors its Judeo-Christian origins it will also recover the truth about itself. "The whole set of human rights," says the cardinal, "has profound Christian roots." Man's inherent dignity doesn't derive from this or that European Union document but from a vision of the human form as created in the image of the Almighty. The task for Christianity, and the Roman Catholic Church especially, is to bring these "runaway children" home.

A spiritually unmoored West is vulnerable to its own demons, chief among them exclusionary nationalism and various ideologies that treat human beings as means to an end. Threats to the dignity of life on the Continent, such as the relentless expansion of euthanasia, and the resurgence of the "idolatry of the nation"-nationalism pushed to extremes-suggest that "the demons of Europe are still around," the cardinal says.

He points to a copy of the 2010 book "Bloodlands" sitting on his coffee table. Yale historian Timothy Snyder meticulously recounts the horrors visited upon Eastern Europe under Hitler and Stalin. "That's only 75 years ago," says Cardinal Schönborn, "not so long ago."

Christoph Schönborn was born in that age of blood, in 1945, to a Bohemian princely house in what is now the Czech Republic. At war's end the Czechoslovak government began persecuting German speakers in its territory, forcing him and his mother to escape across the border to Austria when the future cardinal was still an infant.

His parents, a count and a baroness, weren't particularly religious. But he came to Catholicism thanks to "a real faith experience"-a mystical boyhood encounter with Jesus-"and the help of good priests." He joined the Dominicans at age 18. "I went through all the revolutionary questions of the 1968 generation," he recalls. "Then I discovered my theological homelands."

He read the early Christian masters voraciously and studied under a German theologian named Joseph Ratzinger, the future Pope Benedict XVI. He went on to serve as principal drafter of the 1992 Catechism of the Catholic Church, the first comprehensive summary of the faith in four centuries, before being named archbishop of Vienna in 1995 and a prince of the church three years later.

Vatican observers have described Cardinal Schönborn as Pope Benedict XVI's spiritual son. Yet since Benedict resigned the papacy in 2013, Cardinal Schönborn has emerged as one of Pope Francis' defenders against traditionalists who argue that the Argentine Jesuit lacks the moral and theological clarity of his recent predecessors.

"Some people inside the church or outside the church are longing for very clear answers," says Cardinal Schönborn. "But Pope Francis is the right man for the right time."

Pope Francis' papacy reflects a world of mind-boggling complexity and diversity. "Pope John Paul II had this tremendous capacity-the clearness of his 'No!' to certain things," says the cardinal. "He had learned under the Nazi terror in his own country, and Communist dictatorship, exactly when a clear 'No!' had to be said."

Pope Francis, by contrast, "is the first Pope from outside of Europe. He represents in his history the Latin American continent, where more than one-third of the world's Catholics live, and the challenges there are very different." And yet the cardinal finds more continuity in Pope Francis' teaching than the pontiff's critics might concede.

Differences in tone and accent notwithstanding, Cardinal Schönborn sees the current pope's communitarian economic instincts as a continuation of longstanding church social teaching. Pope John Paul II, he says, had his own misgivings about unfettered markets.

The Pole opposed Communism because he saw it "as a perversion of the elementary laws of economics and of human conviviality." Even so, John Paul II worried about the excesses of "radical liberalism and radical capitalism" without "social boundaries." It's up to the secular world to decide where to draw the boundaries-and who should draw them.

Pope Francis also emphasizes "a church for the poor"-in the material and Gospel sense. Hence why he makes a point of visiting ex-prostitutes, prisoners and migrants. The pope's gestures "are very spontaneous but very conscious," says the cardinal. He has yet to appoint a cardinal from Venice, but he has elevated them from Bangladesh, Burma, Papua New Guinea and Haiti. "This is a language that is not politically correct, by church standards, but politically clear." Francis is reminding the Vatican that only a quarter of the world's Catholics now live in Europe.

Is there a risk that the pope's shifts could upturn doctrinal pillars, such as church teaching on divorce? Some pastors have interpreted Francis' apostolic exhortation Amoris laetitia ("The Joy of Love"), published this spring, to authorize case-by-case exceptions to the rule against divorced-and-remarried Catholics' taking Communion. The document is vague, and the pope has so far declined to offer a black-letter ruling.

"This a very Catholic balance," says Cardinal Schönborn. "It's often said that Catholics don't say 'either/or' but 'one thing as well as the other.' " As the cardinal interprets it, Amoris laetitia says, "Let's take families as they are. God is at work not with ideas but with real people."

Even as they are called to uphold absolute moral standards, Christians must recognize that "from the very beginning the drama of humanity is that we are lapsed, that we are broken, that we are wounded by ourselves and by others." Still, it's hard to blame Catholics who fear the erosion of the church's capacity to say "No" to the ways of the world, notwithstanding such clarifications. A few words of orthodox reassurance from the pontiff would help.

Cardinal Schönborn says of the pope, "Believe me, he's Catholic, genuinely Catholic." Pope Francis hasn't conceded an inch on the church's pro-life stance, and in October he assailed postmodernist gender theories that pretend that human sexuality is a social construct and therefore infinitely malleable to personal and political whimsy. Such theories, Pope Francis said, are part of a "global war" aimed at destroying marriage and the traditional family.

"I can only say to those Catholics worried that the pope will stray from sound doctrine: Don't be afraid," says the cardinal. "He will never teach something that is not sound doctrine. But he wants us to see whether we have the mind of Christ"-that is, to have the courage to encounter brokenness, our own and others', to meet people as they are.

"My own experience is that whenever you overcome your own laziness and engage other people, you are encountering Jesus," the cardinal says. "It's a doorway to Jesus." Behind the door is an invitation to friendship. Cardinal Schönborn's motto is Jesus' saying, recounted in St. John's Gospel, V os autem dixi amicos-I have called you friends.

"And that's a reality," he says. "I'm certainly not His best friend, because I'm lousy and negligent and not always faithful to this marvelous friendship. But I know that He is faithful."

Mr. Ahmari is a Journal editorial writer based in London.

UNA RISPOSTA CRISTIANA ALL'EPOCA DEL TERRORE

Di Sohrab Ahmari

"il figlio spirituale" di Papa Benedetto sul futuro di un'Europa distaccata dalle sue radici religiosi.

Vienna

I turisti affollano la piazza di fronte alla cattedrale di Santo Stefano, nel cuore della capitale Austriaca. Parlano in tono riverente mentre combattono per fare entrare il gigante cruciforme negli sfondi dei loro selfies . Cinesi mandarini, Persiani e Turchi catturano la mia attenzione mentre mi faccio spazio tra la folla. Questa scena mi fa riflettere : Cosa rappresenta una cattedrale gotica dedicata al primo martire cristiano per un turista, mettiamo il caso, di Shanghai?

Per l'arcivescovo di Vienna la risposta è semplice. I turisti, pensa il cardinale Christoph Schonborn,

apprezzano ciò che Santo Stefano rappresenta più di quanto possa fare un qualsiasi europeo, che appartiene "a questo continente che ha radici cristiane". Quando il suo staff si riunisce al complesso arcidiocesano nella porta accanto a quella della cattedrale, usano una stanza che mostra la piazza affollata. La vista è un buon promemoria della chiamata universale della Chiesa Cattolica - e delle reali persone che ne sono i destinatari.

Di questi tempi l'ansia intorpidisce la confusione umana. In Europa la minaccia islamica, il problema dell'integrazione musulmana e il ritorno del nazionalismo sangue-e-suolo supera la litania della malinconia occidentale. Il cardinale Schoenborn è stato coinvolto in questa controversia mondiale quando ci siamo incontrati recentemente per un intervista.

"Ci sarà un terzo tentativo Islamico di conquistare l'Europa?" Chiedeva durante l'omelia dell'11 settembre nella cattedrale di Santo Stefano, la quale fece notizia in tutto il continente. "Molti musulmani pensano e si augurano questo e dicono che l'Europa è arriva al capolinea."

La sinistra fu svelta ad accusarlo di reati d'opinione, mentre i facenti parte di una schiera più populista sosteneva il cardinale come un guerriero anti-immigrazione che seguiva i loro cuori.

Non sfuggì che aveva indirizzato l'omelia alla Massa per la Festa del Santo Nome di Maria, sottolineando il 333esimo anniversario del trionfo asburgico sugli ottomani durante la Battaglia di Vienna.

Il suo messaggio si è perso tra il rancore. Non era specificatamente rivolto ai mussulmani. "Non riesco a capire pienamente i credenti mussulmani - credenti autentici, i quali rispetto profondamente per il loro credo - che vedono segni evidenti della decadenza europea," mi dice "Pensano che l'Islam sarà una cosa positiva per l'Europa, che la porterà su un cammino migliore verso la moralità e la fede in Dio. Perciò, a mio giudizio, la minaccia non sono i credenti mussulmani."

L'insicurezza fisica e l'incoerenza sociale create dalle comunità mussulmane mal integrate sono lì, non c'è dubbio. Ma queste cose sono il sotto prodotto della confusione esistenziale dell'occidente stesso. "La vera sfida è: Cosa rappresenta per le radici cristiane dell'Europa?" chiede il cardinale. La Cristianità, dice, è una "religione missionaria a partire dal suo fondatore. Gesù predica, andate e rendete tutte le nazioni mie discepoli, insegnate loro ciò che ho insegnato a voi, battezzateli. E una cosa del genere è vera anche per l'Islam."

Molti in occidente hanno rinunciato alla loro eredità, e al desiderio di condividerla.

Allo stesso tempo, i mussulmani rimangono devoti e aumento sempre di più. Lo scontro tra un secolare, tormentato Occidente e un Islam missionario è la crisi culturale europea in poche parole.

"Per i mussulmani in Europa" dice il Cardinal Schoenborn, la questione è se possono imparare a "rispettare la coscienza altrui," come ha fatto la Cristianità attraverso dolorosi secoli.

Per i cristiani: "Crediamo che il Vangelo insegnato da Gesù è ciò che aiuta realmente le persone a condurre una vita felice, a costruire una buona società, a guadagnarsi la vita eterna, che è infondo la domanda finale e lo scopo dell'esistenza?" La prima cristianità, sottolinea, non si è espansa attraverso le armi del proselitismo "ma attraverso l'attrazione - era attraente diventare cristiano."

Un occidente permeato di una tale sicurezza metafisica, oggi non ha bisogno di "temere altre persone o altre religioni."

Quando l'occidente onora le sue origini giudeo-cristiane riscopre anche la verità su se stesso.

"L'intero complesso dei diritti umani," dice il cardinale, "ha profonde radici cristiane."

"La dignità intrinseca dell'uomo non deriva da questo o dal quel documento dell'Unione Europea ma da una visione della forma umana come creata ad immagine dell'Onnipotente. Lo scopo della Cristianità, e specialmente della Chiesa Cattolica Romana, e di riportare a casa questi "bambini sperduti.".

Un occidente spiritualmente distaccato è vulnerabile ai suoi stessi demoni, a capo tra questi un nazionalismo di esclusione e varie ideologie che minacciano gli esseri umani come mezzo per un fine. Le minacce alla dignità della vita nel continente, come ad esempio la crescente approvazione dell'eutanasia, e la rinascita dell' "idolatria della nazione" - nazionalismo spinto all'estremo - evidenziano che "i demoni in Europa ci sono ancora." afferma il cardinale.

Indica la copia del libro "Bloodlands" del 2010 mentre è seduto al suo tavolo da caffè. Timothy Snyder, storico di Yale, narra meticolosamente gli orrori dell'Europa durante gli anni di Hitler e Stalin. " Sono solo 75 anni fa," continua il cardinale Schoenborn. "non è passato poi tanto tempo."

Christoph Schonborn è nato in un'epoca sanguinosa, nel 1945, in una casa principesca boema in quella che oggi è la Repubblica Ceca. Alla fine della guerra il governo cecoslovacco iniziò a perseguire coloro che parlavano tedesco nel suo territorio, costringendo lui e sua madre a fuggire attraverso il confine austriaco quando il futuro cardinale era solo un bambino.

I suoi genitori, un conte e una baronessa, non erano particolarmente religiosi. Ma lui si avvicinò al cattolicesimo grazie ad una "reale esperienza di fede" - un incontro mistico con Gesù avvenuto nell'infanzia - "e all'aiuto di un buon prete. Si unì ai Domenicani all'età di 18 anni. "Superai tutte le domande rivoluzionarie della generazione del 1968," specifica. "Poi ho scoperto la mia patria teologica."

Lesse voracemente i maestri della prima cristianità e studiò con il teologo tedesco Joseph Ratzinger, il futuro papa Benedetto XVI. Proseguì a servire come redattore principale del Catechismo della Chiesa Cattolica del 1992, il primo sommario completo della fede in quattro secoli, prima di essere nominato arcivescovo di Vienna nel 1995 e principe della chiesa tre anni dopo.

Gli osservatori vaticani descrivono il Cardinal Schoenborn come il figlio spirituale di Papa Benedetto XVI. Tuttavia, quando Benedetto si dimesse dall'incarico nel 2013, il Cardianle Schoenborn emerse come uno dei sostenitori di Papa Francesco contro il tradizionalisti che sostenevano che l'argentino gesuita mancasse di morale e di chiarezza teologica rispetto ai recenti predecessori.

"Alcune persone nella chiesa o al di fuori sono desiderosi di risposte chiare" dice il Cardinale Schoenborn. "Ma Papa Francesco è l'uomo giusto al momento giusto."

Il papato di Papa Francesco riflette un mondo dalla complessità e dalla diversità da capogiro. "Papa Giovanni Paolo II ebbe una capacità eccezionale - la chiarezza di dire 'No!' a certe cose," continua il cardinale. " Imparò sotto il terrore nazista nella sua terra, e sotto il comunismo dittatoriale, il momento esatto in cui si deve dire No!".

Papa Francesco, diversamente, "è il primo Papa che proviene dal di fuori dell'europa. Rappresenta nella sua storia il continente Latino Americano, dove vivono più dell'1/3 dei cattolici del mondo, e dove le sfide sono molto diverse." Eppure il cardinale trova molta più continuità negli insegnamenti di Papa Francesco rispetto alle critiche che si possono concedere al suo pontificato.

Malgrado differenze di tono e di accento, il Cardinale Schoenborn vede le attitudini economiche comunitarie dell'attuale papa come una continuazione degli insegnamenti sociali della chiesa di lunga durata.

Il Papa si oppose al comunismo perché lo vide "come una perversione delle leggi elementari di condivisione economica ed umana." A tal proposito, Giovanni Paolo II si preoccupò riguardo l'eccesso di "liberalismo radicale e capitalismo radicale" senza "barriere sociali."

Tocca al mondo terreno dove disegnare confini - e chi dovrebbe farlo.

Papa Francesco enfatizza anche "una chiesa per i poveri - nel senso materiale e del Vangelo. Da qui il motivo per cui visita ex-prostitute, prigionieri ed immigrati. I gesti del Papa "sono molto spontanei ma molto svegli," dice il cardinale. Deve ancora nominare un cardinale da Venezia, ma lo ha fatto in Bangladesh, Burma, Papua Nuova Guinea ed Haiti. "Questo è un linguaggio che non è politicamente corretto, per gli standard ecclesiastici, ma politicamente chiaro. "Francesco sta ricordando al Vaticano che solo un quarto dei cattolici del mondo ora vive in Europa."

C'è il rischio che i cambiamenti del papa ribaltino pilastri dottrinali, come ad esempio l'insegnamento della chiesa sul divorzio? Alcuni pastori hanno interpretato l'esortazione apostolica di Francesco Amoris laetitia ("La Gioia dell'Amore"), pubblicata questa primavera, ad autorizzare casa-per-caso, le eccezioni alla regola sui divorziati-e-rispostati a prendere la Comunione Cattolica. Il documento è vago, e il papa ha finora evitato di fornire una sentenza.

"E' un'equilibrio molto cattolico," dice il Cardinale Schoenborn. "Spesso si dice che i cattolici non dicono 'o/o' ma 'una cosa così come un'altra.' " Per come lo interpreta il cardinale, Amoris laetitia dice, "Prendiamo le famiglie così come sono. Dio è a lavoro con le persone non con le idee."

Anche se sono chiamati a sostenere standards morali assoluti, i cristiani devono riconoscere che " sin dall'inizio il dramma dell'umanità è che siamo decaduti, deboli, e che siamo feriti da noi stessi e dagli altri." Eppure, è difficile incolpare i cattolici che temono il deterioramento della capacità della chiesa di dire 'No' per le vie del mondo, nonostante tali chiarimenti. Qualche parola da parte del pontefice aiuterebbe.

Il cardinal Schoenborn dice del papa, "Credetemi, è cattolico, genuinamente cattolico." Papa Francesco non ha ceduto di una virgola a favore della presa di posizione della chiesa sulla vita, a ottobre ha assalito le teorie di genere postmoderne che pretendono che la sessualità umana sia un costrutto sociale e quindi infinitamente malleabile ai capricci personali e politici. Queste teorie, sostiene Papa Francesco, fanno parte di una 'guerra mondiale' finalizzata a distruggere il matrimonio e la famiglia tradizionale.

"Posso solo dire ai cattolici, i quali si preoccupano che il papa si allontanerà dal sembrare dottrinale: Non abbiate timore," continua il cardinale. "Non ha mai insegnato qualcosa che non fosse della dottrina. Ma vuole vedere se abbiamo la mente di Cristo" - cioè, di avere il coraggio di affrontare le debolezze, nostre e quelle degli altri, di affrontare le persone per come sono realmente.

"Per la mia esperienza, ogni qualvolta domini la tua indifferenza e coinvolgi altre persone, stai incontrando Gesù" afferma il cardinale. " E' l'accesso a Gesù." Dietro la porta c'è un invito all'amicizia. Il motto del Cardinale Schoenborn è Gesù che dice, dal Vangelo secondo Giovanni,

V os autem dixit amicos , vi ho chiamato amici.

"Ed è questa la realtà," prosegue. "Non sono certamente il Suo migliore amico, perché sono indegno e negligente e non sempre fedele alla sua meravigliosa amicizia. Ma so che Lui è fedele ."

........................................

LA RISPOSTA DI JIM EHRMAN

I don't feel comfortable around religious "absolutists" of any sort, people who are 100% certain as to what is "right," what is "sinful" and what ought to be done about the sinners. I'm much more comfortable with people who can live with doubt -- their own and the uncertainty represented by people whose views are contrarian to theirs.

I'm also very uncomfortable with people who claim secular laws must be based on religion and reflect religious values, especially when such people form a majority group capable of imposing their religious views through state authority. This situation existed throughout Europe for centuries, when both the Roman Catholic church and various state-identified Protestant churches discriminated against or outright killed disbelievers. Some Catholic prelates in the United States continue to insist on holding public officials accountable to Church"teaching" (e.g., contraception, abortion), as do also too many Protestant clergy. Religious fanaticism lies behind deteriorating secular values in Israel, with a scandalously high number of rabbis employing ugly and hateful speech against both Muslims and Christians, as well as against fellow Jews who don't share their ultra-Orthodox beliefs.

The destruction wreacked by Islamic fundamentalists is daily headline news, with most victims being fellow Muslims (just as was the case with Christian victims across "Christian" Europe during the Thirty Years War).

The great advantage of a religiously/ethnically/racially pluralist society is that, with most or all being "minorities," all share a common interest in tolerating and accepting religious non-belief, disbelief and doubt among others. Israel, for example, would be a more comfortable place in which the rights of secular and non-Orthodox Jews were protected if its non-Jewish Arab "citizens" were accepted as full and equal members of society.

As for contemporary Europe: Christian European countries have a historic tradition to overcome of intolerance toward any/all non-standard groups, whether religious or ethnic, a tradition that impedes assimilation of "outsiders" even today. And Muslim "outsiders," whether recent arrivals or fourth generation Muslims born and raised in Europe, are prone to radicalization. This makes overcoming the threat of domestic Muslim terrorism a much more difficult problem to deal with in Europe than in the US, where traditional discrimination against outsiders gives way to acceptance and assimilation within one or two generations.

Non mi sento a mio agio tra "assolutisti" religiosi di ogni tipo, quelli che sono certi al 100% di ciò che è "giusto" e ciò che è "sbagliato" e di ciò che andrebbe fatto ai peccatori. Sono molto più a mio agio con le persone che riescono a vivere con il dubbio - il loro e l'incerto, rappresentato dalle persone che hanno una visione delle cose diversa dalla loro.

Mi trovo anche in difficoltà con coloro che pretendono che leggi secolari debbano essere basate sulla religione e riflettere valori religiosi, specialmente quando queste persone fanno parte di una maggioranza capace di imporre la loro visione attraverso l'autorità dello stato.

Questo contesto è stato vissuto in Europa per diversi secoli, quando sia la chiesa Cattolica Romana che diverse chiese Protestanti identificate-stato, perseguivano o uccidevano, senza diritto alcuno, i miscredenti.

Negli Stati Uniti alcuni prelati cattolici, così come fanno anche alcuni cleri protestanti, continuano a mantenere una carica pubblica responsabile di "insegnamenti" della chiesa (come ad esempio la contraccezione o l'aborto). Il fanatismo religioso mente riguardo il deterioramento di valori secolari in Israele, con un numero scandalosamente alto di rabbini che tengono discorsi pieni d'odio sia nei confronti dei mussulmani che dei cattolici, così come nei confronti dei quegli ebrei che non condividono il loro credo ultra-ortodosso.

La distruzione che porta il fondamentalismo islamico è sui notiziari ogni giorno, la maggior parte sono persone musulmane (così come fu per le vittime cristiane dell'Europa "cristiana" durante la Guerra dei Trent'anni).

Il sorprendente vantaggio di una società religiosa/etnica/razziale pluralista è che, essendo la maggior parte o quasi la totalità "minoranze", condividono un interesse comune nel tollerare ed accettare i religiosi non-credenti, gli scettici e il dubbio, tra gli altri.

Israele, per esempio, sarebbe un posto molto più sicuro nel quale i diritti ebrei secolari e non-ortodossi fossero protetti, e i suoi "cittadini" arabi non-ebrei fossero accettati come membri facenti parte equamente e pienamente della società.

Così come per l'Europa contemporanea: i paesi dell'Europa cristiana hanno una tradizione storica di superare l'intolleranza verso gruppi non-standard, che siano religiosi o etnici, una tradizione che ostacola tutt'oggi l'integrazione degli "estranei". Gli "estranei" mussulmani, che siano arrivati recentemente o che siano la quarta generazione di mussulmani nati e cresciuti in Europa, sono inclini alla radicalizzazione. Questo rende superare la minaccia di terrorismo islamico interno un problema molto più difficile da affrontare in Europa che negli US, dove la discriminazione tradizionale contro gli stranieri lascia spazio all'accettazione e all'integrazione in una o due generazioni.

.