LE PAROLE FRA NOI

NADIA CAVALERA,

“CASUALS” POESIE

Donnuomo

Non vantarti donnuomo

come d'un dono solo per te

L'anima è cuspide cerebrale

sovrintendenza

ad ogni funzion'attività corporale

La possiede ogni animale

in intensità variabile

e capacità proporzionale

alla necessità dell'esistenza

(: la piazza non impazza il rumore è la ramazza)

Non vantarti donnuomo

L'anima non è una tua prerogativa

Né la garanzia d'un'altra vita

Se un paradiso c'è

Tra i meli le liane i petali e le rose

incontrerai il pesce l'elefante il cane il gatto e la mosca tse tse

(: la voce imbuca la luna spunta cera la vera pantera)

Ora rispetta il cospetto

pur nella lotta alla sopravvivenza

costruisci con loro

un'iride convivenza

di colore resistente

Bandisci i costumi di scena rena

E possa tu averne la giusta guida

Per un tempo odierno che conosce solo l'inferno


Landai targati

contro il feminicidio

ROMA

L'odore forte della morte

m'ha risospinta a riprendermi la vita


JESI

Son Marta stuprata filmata

giuro puro che non me la sono cercata


TARANTO

C'hai provato pure con Sara

e noi abbiamo dovuto eliminarla


TARANTO

M'ha violentata nella morte

per contrastare la figlia e la consorte


MACERATA

M'ha gettata nel cassonetto

come oggetto di suo possesso


MESSINA

come osasti farmi questo

avevo nove anni e nessuna bambola


CAGLIARI

tu usasti la pattadesa

quando io sognavo ancora l'intesa


TORINO

ho le tue borchie sulla pelle

E nella mente un cielo nero di stelle


PADOVA

Eri ricco colto cattivo

con l'etere hai deciso il mio destino


CROTONE

con questo foro alla nuca

m'hai trascinata nella tua disavventura


BIELLA

Ah la libertà in foresta

Ora solo l'incubo mi pesta e resta


MODENA

impossibile dividerci

Nella notte uniti con te mi portasti


BARI

voglio decidere la vita

toglimi le mani dalla gola pulita


URBINO

hai sempre stabilito tutto

anche la fine insieme è un tuo bene


TRENTO

vaso da fiori e mortaio

i regali del mio amato stralunato


CHI?

chi decide e fa le guerre? il maschio

chi produce e vende le armi? il maschio

chi ha inventato e usato la tortura? il maschio

chi rende spose sessanta milioni di bambine? il maschio

chi costringe all'infibulazione? Il maschio

chi stupra sistematicamente? il maschio

chi pratica la pedofilia? il maschio

chi colleziona materiale pedopornografico? il maschio

chi induce alla prostituzione e ne fa un business? il maschio

chi attua il feminicidio? il maschio

chi violenta sadicamente gli animali? Il maschio

chi ha inventato le inquisizioni? il maschio

chi ha oscurato ovunque le donne di parole o di burqa? il maschio

chi segue sistematicamente il razzismo? il maschio

chi usa da millenni il sessismo in primis linguistico? il maschio

chi affama il mondo con le sue politiche assassine? il maschio

chi stupra la terra in mille modi? il maschio

chi ha compromesso irreversibilmente la sopravvivenza di tutt* sulla terra? il maschio

E noi donne ancora non reagiamo?

con forza ma senza violenza? Andiamo alla luce

L'umanità è umafeminità

e la componente feminile ( tolte le plagiate o deviate)

profuma ancora di futuro


Chiamata ai giusti

Dio l'universo vita coincidentia oppositorum

acta sancta sanctorum

tutto e il suo contrario armamentario

il fuoco della beltà diversità

In un breviario di sfumature senza critico lume

s'impone il caso eldorado brado

(: i colori pendolano in mondi infiniti senza limiti)

Il campionario del Bene e del Male

è rispettato in ogni particolare

non ha l'eguale (: è continua ristampa originale)

Dalla notte primordiale solo una legge vale

[(: il dio diffuso in noi incluso non può parteggiare) inutile pregare]

la giungla del più forte sfonda tutte le porte s'accaparra le torte

Ha la maschera unta della difesa

ma sotto è determinata cieca offesa

prevaricazione sopruso plurisistemico colluso

[(: la lotta non conosce sosta)l'unica speranza è l'alleanza]

Pochi individui bigi sopprimono i più remissivi

con ideologie dolose senza profumo di rose

accendono il dolore a tutte le ore in tutte le pose

(: il denaro è l'antico motore alleato signore)

E fioriscono ora silenziose ora clamorose

le guerre di sessi le guerre familiari le guerre sociali

le guerre civili le guerre di stati

Gli uni contro gli altri armati

perlopiù accecati da interessi economici letali

in scene di violenza irrazionali

sempre uguali e senza pari

in transumanze della disperazione in cerca di tepore

nel culto della distruzione che non risparmia neppure

l'originario albume: la nostra terra madre

seviziata ovunque in ogni sole

Svegliati donnuomo giusto consapevole

cerca i tuoi simili tempràti di solidarietà

Porta il piatto della bilancia nella tua metà

è l'estrema via salvifica

alla redenzione in saldo d'occasione

[(: il tempo ha breve scadenza) esserci è la pressante necessità]

SCARICA IL PDF