Le parole fra noi

ENIGMATICA/MENTE

di Giorgio Moio

→ zampillą
               la tua
                        → linguἃ
→ in un lavacro di lacrime
                                             lacrimǡ ←
una
      lacrimǡ ←
dai tuoi occhi ciechi
                                   accecɐ ←
la
    ⃰ cupidiciẳ
                      ⃰ ⃰ l'avariziẵ
                                           ⃰ ⃰ ⃰ l'inerziặ
che ti
             divorẫ
                         divoraᾆ
⅞ di ciò che
                      @ t'imprigionᾱ

il sogno

*

una parola si slega dall'origine
aggruma & vagula nel ritmo del mare
la sua norma e la sua regola
è pensare ad un codice pieno di curve
di suoni -------------- ansiosi & -----------------dissacratori
che tracciano lineamenti a sghimbescio
nelle crepe dell'enigma che guizza salinare
tra i muri di una falsa epifania
brumuriando ------------e -----------strumuriando -------------trùmuri
nella marea acquietata delle dicerie
a inventare oltre le certezze del tempo
altre impronte altre allegoriche occasioni


*

trascorre quest'oggi
un'altra ora
a sfogliare
le foglie del silenzio
le parole si trasportano per inerzia
tra grovigli aggrovigliati
di retorica mercificata
mai nessuna che si lamenti
come si lamenta il mare
mai nessuna che gridi
come gridano le maree
che sfidano il proprio limite
a zampillo inerpicandosi
tra il mormorare inutile
della presuntuosa cultura
quasi patetica poco poietica
di un paese che non sogna più
    le parole si trasportano per avarizia
    si rintanano nella loro solitaria solitudine
    covando in noi l'illusione
    di far parte del festival dell'imitazione
   della grande abbuffata opulenta
   che annienta i lumi della ragione
   mai che un'idea o un'orchidea
   balzi come una palla
   sobbalzi s'inarchi come un'onda
   sbattendo fino a fare un botto o uno strambotto
   sprizzando e fremendo
   s'arrizzi e non tema l'avarizia dei giorni
   che passano senza menare colpi
   o volteggiando impassibili
   in giravolta come un acrobata
   sui pennacchi impennacchiati
   dei signori delle apparenze
   come un sorriso di un bambino
   lungo lo scorrere dell'accua kontrokor-rente


*

Poesia d'amore

' : vorrei poterti (guardare) dentro

                                               (toccare) la tua anima
                                                                               e dirle quanto ti amo
                                                                                                                     ' : vorrei poterti (entrare) dentro
        darti quello che non ti ho mai saputo dare
                                                                              tutta la gioia e lo stupore
                                                                                                                     ' : vorrei regalarti un sorriso
                                                                                                                                      rapito dalle labbra di un bambino
                                                zampilli d'amore fluttuosi
                                                                                                        fino ad (allagare) il tuo cuore
                                                                                                                        una dilagante marea d'amore
                                                 ' : vorrei poterti (conoscere) dentro
                                                                                            per affidarmi a te
                                                                                                    la notte fino al giorno
                                                                                                          il giorno fino alla notte*

Sola sulla sila

c'è una mosca che sale nel sole

                                                     sola sulla sila
                                                                         in silenzio
                                                                                           ritrova un'amica sdraiata su di un'amaca
                                                                                                         le due mosche si guardano mosce
                                                       pensano al mondo che gira in tondo
                                                                                                pensano al mondo che sta cadendo
        al botto che farà il suo tonfo


*

- se
si potesse
scrivere una poesia
con le pietre sarebbe
una poesia pietrificata ma meraviglioso
sarebbe poterla scrivere sull'acqua

*

Mater
           per il decennale della morte di mia madre
mentre soffia il vento
Mater svegliami dal sonno d'inverno
conducimi sulla via del suono
delle acque amniotiche dell'origine
origina il sapere del sorriso
tra il silenzio e il dubbio
nel luogo di folgoranti domani


*

Una volta si facevano le cose

una volta io e i miei compagni
                                               facevamo le barricate
facevamo la guardia alla libertà
                                               e c'era sempre un fesso
che tentava di emularci
                                                 ora ci siamo persi un po' di vista
in quest'aria di festa
                  con i clowns che ridono
e si rotolano nell'aria
                     tra profumi di lecca lecca
e zucchero filato a più non posso
                                        ai palloncini colorati preferisco il mare
distendermi sulla sabbia
                  sotto il sole caldo dell'estate
sempre cara mi è stata la calda estate sulla bassa marea
                                       le lunghe dormite senza pensare
con la salsedine che m'irrora la speranza:
che passi all'orizzonte un veliero
di coraggiosi marinai
che mi venga a salvare


*

Come un saltimbanco

una virgola & un punto
corrono sul foglio
si rincorrono a squarciagola
sbandando con tutto l'alfabeto
nel bianco del foglio
dove una mosca
si tuffa & si ri-tuffa
sguazza sguscia
                                       sbuffa : ri-sbuffa : scolora
fa un girotondo
una piroetta
salti da saltimbanco
                                    nessuno si dispera
                                  nessuno sa che fare
di fronte a quella mosca
ormai padrona del foglio