Speciale Mario Lunetta

Contradanza

di VIlma Costantini

Contradanza

Dopo l'altro dopo gli altri non c'è altro

che quest'altro

non si aspetta qualcos'altro finalmente

solo niente

dove altrove in conclusione dove quando

non andando

altrimenti sia che sia non c'è traccia

sulla via

pur avendo sue ragioni per cambiare

quello stato

non riesce di staccarsi da quel luogo

senza uscita

basterebbe un buco fine un pertugio

solamente

se non fosse che zavorra impedendo

al salto invita

nulla viene tutto va giorno sgorga

o notte sorge

senza scorge scopo alcuno che si avvita

nelle dita

sempre stando ancora e almeno non rinvia

e presto viene

se sarà che arrivi infine non si sa

qual è la fine

gioco o scopo per la meta ch'era ambita

s'è smarrita

ogni volta qui ci narra cosa avviene

nella vita

troppo tardi è cominciata troppo presto

sta finendo

nel ricordo che poi passa e mai più

è ricomparsa